Tortelli al pomodoro ripieni con pesto di fagiolini e vellutata di patate

Tipici della gastronomia Emiliana, i tortelli sono tra le paste all’uovo ripiene più conosciute al mondo; etimologicamente parlando, il nome “tortello” deriva dalla parola “torta”, proprio ad indicare che come una piccola torta, anche i tortelli possono essere ripieni.

Tortelli al pomodoro ripieni con pesto di fagiolini e vellutata di patate

In questa ricetta, vi mostro la mia rivisitazione del tortello, con ingredienti semplici e di stagione alla portata di tutti.

INGREDIENTI:

PER I TORTELLI

  • 1 uovo
  • 200 ml di acqua
  • 500 g di farina “00”
  • Sale q. b
  • 300g di pomodorini

PER IL RIPIENO

  • 400g di fagiolini
  • Aglio
  • Olio evo
  • Nocciole tostate
  • Sale q. b

PER LA VELLUTATA DI PATATE

  • 300g di patate
  • 15g di burro
  • Sale q. b

PREPARAZIONE

Per prima cosa iniziamo con la preparazione dei pomodorini, quindi ungete una teglia con un filo d’olio e inseritevi i pomodorini tagliati a metà, poneteli in fila, un pizzico di sale, origano e pepe. Cuocete in forno a 180° per circa 15 minuti. Una volta cotti, frullate e setacciate il tutto, così da ottenere una crema liscia e lasciate quindi raffreddare.

A parte una ciotola, iniziamo la preparazione della sfoglia, poniamo la farina ,l’uovo, la crema di pomodorini e l’acqua aggiunta a filo. Impastate il tutto ottenendo un panetto liscio ed omogeneo dal colore rosa. Se l’impasto dovesse risultare poco elastico aggiungete dell’acqua tiepida per rendere così la pasta più morbida per poter essere tirata con il mattarello o con la macchina tira sfoglia. Se al contrario risultasse appiccicoso, potete aggiungere la farina man a mano. Coprite con della pellicola e fate riposare in frigo per circa mezz’ora.

Mentre la pasta riposa, dedicatevi al ripieno.

Ponete sul fuoco una pentola piena d’acqua e portate a bollore. Pulite i fagiolini eliminando la parte dura alle estremità e sbollentate per circa 15 minuti. Trasferiteli poi in un recipiente, aggiungete uno spicchio di aglio, olio e nocciole precedentemente tostate. Frullate il tutto grossolanamente fino ad ottenere un composto compatto e tenetelo da parte.

Pelate e tagliate le patate e mettete a bollire in una pentola ricca di acqua. A fine cottura trasferite le patate in una ciotola e frullatele aggiungendo il burro, sale e un po’ d’acqua di cottura.

Risultato finale, una vellutata di patate liscia e compatta.

Trascorsi i trenta minuti, riprendete il panetto di pasta, tagliatelo in due, la parte che non utilizzerete subito riponetela nella pellicola, e con l’aiuto di un mattarello, o con l’apposita macchina, iniziate a stenderla. Lo spessore deve essere di circa 1 mm. Tagliatela a quadrati di 10 cm per lato e ponete al centro di ognuno la farcia. Chiudete a triangolo, congiungete le estremità alla base e formate il tortello.

Lessate in abbondante acqua salata i tortelli, saltateli in padella con una noce di burro e impiattate mettendo la vellutata di patate sul fondo del piatto, i tortelli e infine qualche fogliolina di menta e pezzetto di fagiolini.

Ti è piaciuto l’articolo? Scopri i nostri partner, o leggi le nostre ultime notizie.