La BLOCKCHAIN per tracciare food e materie prime

La BLOCKCHAIN per tracciare food e materie prime

Grazie a Foodchain, una società innovativa che permette di tracciare i prodotti agroalimentari utilizzando la tecnologia blockchain.

L’idea nasce nel 2012, dall’idea di due ingegneri, Marco Vitale e Davide Costa, e un informatico, Fabio Fiori.

La tecnologia blockchain può essere utilizzata per tracciare materie prime e prodotti alimentari per garantirne origine e qualità, ottimizzando l’interscambio di informazioni tra le aziende nella stessa filiera. A beneficio delle aziende e dei consumatori. A loro, basta inquadrare con lo smartphone un QRcode o tag Nfc o Rfid sull’etichetta di un prodotto per accedere a video, immagini, certificazioni che l’azienda divulga. Questi dati sono fruibili in maniera trasparente e inalterabile per sempre

Le aziende che vogliono utilizzare il servizio pagano una licenza annuale o in base al numero di informazione che devono essere processate all’interno della blockchain. Oltre a ciò Foodchain permette di integrare sistemi e far dialogare impianti diversi tra loro creando nuove sinergie. Per ora la società a una sede a Como e un ufficio a Torino all’interno dell’incubatore del Politecnico I3P. I prossimi obbiettivi, come spiegano sono

«Lanciare una nuova infrastruttura blockchain (Quadrans) che superi le problematiche delle blockchain attuali (privacy, scalabilità e fluttuazione del costo delle transazioni). Conterrà tutti gli standard mondiali del food (Fda, Kosher, Halal…) e garantirà trasparenza e qualità del cibo che mangiamo. Uno “smart contract” di tracciabilità basato su un modello innovativo di economia circolare»

Sulla tecnologia della Blockchain e sulla cryptoeconomy in Italia c’è un interesse crescente, la UE ha inaugurato un osservatorio e un forum sull’argomento. Per poter sviluppare questa tecnologia, che permette di avere una tracciabilità trasparente e sicura, c’è bisogno di finanziamenti, sia pubblici da parte dell’università e delle istituzioni, ma anche investimenti privati, le aziende si devono svecchiare ed investire in questa rivoluzione 4.0 che potrebbe avere un grosso impatto nella vita di tutti noi.

Per maggiori informazioni visita il sito 

Ti è piaciuto l’articolo? Scopri i nostri partner, o leggi il nostro articolo precedente.

By |2018-10-03T19:01:02+00:00settembre 12th, 2018|Categories: Alimenti, Ambiente, Tracciabilità|Tags: , , , |0 Comments

About the Author:

Studente magistrale di “Enviromental and Food Economics” all’Università degli Studi di Milano, appassionato di montagna e formaggi.

Rispondi