Ieri è stata la Giornata Internazionale della Birra con feste in molte città del mondo

Ieri è stata la Giornata Internazionale della Birra con feste in molte città del mondo

Nel 2008 è nata la Giornata Internazionale della Birra, cade ogni primo venerdì di agosto e vuol celebrare le birre di tutte le nazioni e culture.

Il 3 agosto è stata la Giornata Internazionale della Birra, con celebrazioni in oltre 200 città in tutto il mondo. Una festa particolarmente sentita dagli italiani visto che la birra piace sempre di più, entrata ormai di diritto nella quotidianità del bere, dall’aperitivo al dopo cena. AssoBirra ricorda che il consumo medio pro capite registrato nell’ultimo Annual Report è di 31,8 litri in media a testa, battendo ogni record. Ma non solo si beve più birra rispetto allo scorso anno: a crescere è proprio la passione per tutto ciò che ruota intorno a questa bevanda.
La birra tricolore entra sempre più nelle abitudini di consumo e piace anche all’estero, registrando dati export da record: le esportazioni hanno raggiunto il massimo storico (2,7 milioni di ettolitri) e la produzione ha fatto segnare il valore più alto in assoluto (15,6 milioni di ettolitri), a testimonianza dello stato di salute del settore, che porta con sé anche la crescita della produzione italiana di malto.

È degli ultimi anni il fenomeno dei micro birrifici e dei mastri birrai, in gran parte giovani, che in tutta Italia hanno fatto della birra artigianale una professione: le nuove realtà imprenditoriali superano quota 850. Basti pensare che l’Italia vanta 7 mila etichette, posizionandosi come il decimo paese produttore in Europa.
In Italia, AssoBirra consiglia di seguire la tradizione di brindare stappando una bottiglia di birra e versandola fredda, mai ghiacciata, nel bicchiere più adatto a seconda del tipo, unendovi una pietanza che si sposi bene con il gusto della bevanda. In Germania è d’obbligo guardarsi negli occhi mentre si fanno tintinnare i bicchieri, in Ungheria invece i calici non devono sfiorarsi, potrebbe essere offensivo, mentre in Irlanda si fa a gara a chi paga la prima bottiglia.
In Cina, il bicchiere degli invitati deve essere sempre più in basso rispetto a quello del padrone di casa; in Giappone, invece, non ci si può versare da soli la birra ma bisogna essere serviti da ci chi sta accanto e a vostra volta servire i commensali. Ordinare una bottiglia grande di birra e versarla in bicchieri molto piccoli è tipico del Brasile, mentre negli Stati Uniti il primo brindisi è con l’ospite d’onore.

In occasione della Giornata Internazionale della Birra, in esclusiva per i nostri lettori, proponiamo uno sconto di 5€, inserendo il codice NG62XQJT, per l’acquisto dei prodotti su UBeer, la più importante piattaforma per degustare le birre del territorio italiano.

Ti è piaciuto l’articolo? Scopri i nostri partner, o leggi il nostro articolo precedente.

By |2018-08-06T12:01:08+00:00agosto 4th, 2018|Categories: Bevande|Tags: , , , |0 Comments

About the Author:

Tutto quello che c'è da sapere sul mondo dell'alimentazione in unico posto, è Foodonomy.

Rispondi