Dal Simposio di Platone alle frittelle di mele, un viaggio nel tempo tutto da mordere

Lo ricordate tutti il Simposio di Platone, vero? Uno dei più affascinanti scritti di questo filosofo, dove prende la parola il commediografo Aristofane dando la sua opinione sull’amore, narrando un mito.

Dal Simposio di Platone alle frittelle di mele, un viaggio nel tempo tutto da mordere

Un tempo, egli dice, gli uomini erano esseri perfetti, non mancavano di nulla, e non v’era la distinzione fra uomini e donne. Ma Zeus, invidioso di tale perfezione, li spaccò in due: da allora ognuno di noi è in perenne ricerca della propria metà.

E se questa metà la trovassimo mentre stiamo addentando una frittella di mele, magari passeggiando per le bancarelle di un mercatino di Natale? Un colpo di fulmine, un segno del destino, avvolto da quel profumo inebriante che le mele ci sanno regalare? Sono una sognatrice, questo è chiaro, ma ciò che davvero vi farà sognare, sarà questa strepitosa ricetta, che sono certa allieterà le vostre giornate autunnali!

Dal Simposio di Platone alle frittelle di mele, un viaggio nel tempo tutto da mordere 1

Ingredienti:

  • 4 mele gialle (Golden Delicious)
  • 2 uova
  • 60 g di zucchero
  • 320 g di latte
  • 320 g di farina 00 (io utilizzo quelle del Molino Denti)
  • 20 g di lievito per dolci
  • zucchero a velo per la decorazione

Procedimento:

Montate gli albumi in planetaria con due gocce di limone (ricordatevi che devono essere a temperatura ambiente). A parte miscelate tutti gli altri ingredienti ed infine aggiungete gli albumi montati, con un movimento lento dall’alto verso il basso. La pastella così ottenuta va coperta con la pellicola e tenuta in frigo per almeno due ore.

Ora non vi resta altro che pulire le mele con il leva torsoli, così i tondini saranno tutti uguali ed infine tuffarle nella pastella.
Io vi consiglio la frittura in olio di semi di arachide (ha un punto di fumo molto alto) ed eventualmente l’utilizzo di una piastra ad induzione per mantenere costante la temperatura a 170 °
Se proprio volete fare uno sgarro peccaminoso di piacere, abbinatele al cioccolato fuso, oppure, per un sapore più speziato, aggiungete della cannella nell’impasto, ma soprattutto, innamoratevene!

Ti è piaciuto l’articolo? Scopri i nostri partner, o leggi le nostre ultime notizie.