Pasta Pietro Massi, l’arte di fare la pasta

Pasta Pietro Massi, quando fare la pasta diventa un’arte ma il principio di ogni arte è l’amore.

Pasta Pietro Massi

L’amore per la terra e il rispetto per le materie prime, la tecnologia come mezzo per servire la natura nel migliore dei modi, per valorizzarla ed esaltarla.

Questa è la filosofia del brand Pasta Pietro Massi, nato nel 2019 dal fortunato incontro tra l’ideatore Pietro Massi e Gaetano Castiglione la cui unione ha portato alla creazione di Italiana Pastifici.

Una nuova avventura inizia con il lancio della Pasta Pietro Massi sul mercato.

La Pasta Pietro Massi è interamente prodotta nello stabilimento di Senigallia nelle Marche, con una selezione delle materie prime provenienti da mulini certificati e da uova esclusivamente italiane e della massima qualità.

Pasta Pietro Massi

Il suo ideatore Pietro Massi, nasce come costruttore di macchine per pasta fresca destinate a piccoli negozi e laboratori artigianali, nel 1980 la sua passione per l’innovazione lo porta ad iniziare un profondo studio sui processi di pastificazione. È da questi studi, durati una trentina d’anni, che nel 2013 nasce il suo sistema “IPILAR” basato su moderne tecnologie, prendendo spunto dai più antichi metodi di lavorazione artigianale della pasta.

Il sistema si basa su dei particolari rulli in acciaio inox in grado di creare una sfoglia in un solo passaggio direttamente dalle briciole di impasto, mediante un monoprocesso a freddo a temperatura costante, quindi in totale assenza di pressioni, di attriti, sforzi di taglio e alterazioni termiche, che comprometterebbero la qualità del prodotto finale.

La materia prima, il grano in questo caso, non viene stressato né meccanicamente né termicamente, preservando le proteine, le vitamine e gli amidi, che possono così essere riscoperti in questa pasta, gustandone il profilo aromatico unico.

Pasta Pietro Massi

Nel pastificio Massi si produce pasta, lunga e corta: tagliatelle, fettuccine e pappardelle oltre agli spaghettoni di semola e gli spaghettoni all’albume, i primi spaghetti al mondo non trafilati.

Trafilate sono invece tutte le paste corte, fusilloni, paccheri, calamarata, mezze maniche e caserecce ma non nel modo convenzionale, bensì mediante un innovativo sistema di “trafilatura originale” che permette di trasformare l’impasto sfruttando la tecnologia a freddo.

Diversi gli impasti prodotti, dalla classica pasta all’uovo e di semola, alla realizzazione unica della pasta all’albume in purezza, e una particolare pasta all’uovo con farina 100% di farro monococco, il più antico tra le varietà di farro ad oggi disponibili.

Pasta Pietro Massi

“Quando fare la pasta diventa un’arte, ma il principio di ogni arte è l’amore.
L’amore per la terra e il rispetto per le materie prime, la tecnologia come mezzo per servire la natura nel migliore dei modi, per valorizzarla ed esaltarla.”

La Pasta Pietro Massi non solo è una pasta d’eccellenza ma è una pasta unica, infatti grazie alla sua particolare struttura, garantisce una cottura uniforme e una tenuta eccezionale che consente la massima flessibilità in cucina.
Inoltre la sua particolare lavorazione frutto di una tecnologia esclusiva in Italia, garantisce il mantenimento della struttura dell’amido e della maglia glutinica, rendendola altamente digeribile.

Dalla lavorazione unica della materia prima, all’originale confezione ecosostenibile tutto è pensato per garantire un’esperienza in cui il consumatore ha la possibilità di poter conoscere ed assaporare il vero naturale aroma del grano.

Ti è piaciuto l’articolo? Scopri i nostri partner, o leggi le nostre ultime notizie.