BitGood, la piattaforma digitale di Confesercenti contro lo spreco alimentare

BitGood è il servizio che mette in relazione chi possiede delle eccedenze con le organizzazioni no-profit che ne effettuano la ridistribuzione.

BitGood, la piattaforma digitale di Confesercenti contro lo spreco alimentare

Una piattaforma digitale anti-spreco, sicura e certificata, per fare incontrare solidarietà e sostenibilità, indirizzando a chi ha bisogno le eccedenze alimentari di negozi e ristoranti. È lo scopo di BitGood, la piattaforma digitale presentata da Confesercenti certificata per venire incontro alle 2,7 milioni di persone che ogni anno in Italia chiedono aiuto per procurarsi un pasto.

Ammontano a 1 miliardo e 218 milioni di euro le eccedenze alimentari invendute prodotte dalle Pmi del commercio e della ristorazione, secondo il valore fornito dall’ufficio economico Confesercenti su dati Last Minute Market e Survey. Imballaggi alterati, difetti di etichettatura o estetici, stagionalità del prodotto: i motivi della invendibilità del prodotto sono vari, ma non hanno mai a che fare con gli standard qualitativi o di sicurezza alimentare. Del totale delle eccedenze prodotte dalle Pmi, circa 518 milioni di euro appartengono agli oltre 95mila negozi della distribuzione tradizionale alimentare, i restanti 700 milioni di euro ai circa 200mila ristoranti attualmente attivi in Italia.

La piattaforma BitGood è accessibile via web su www.bitgood.it o attraverso l’app mobile BitGood per iOs e Android. I donatori potranno utilizzarla per inserire i prodotti da donare ed il sistema BitGood individuerà automaticamente il beneficiario più adatto, in termini di disponibilità al ritiro dei prodotti, vicinanza sul territorio e rapidità, rating assegnato agli operatori. BitGood produce automaticamente tutta la documentazione necessaria per l’accesso alle agevolazioni fiscali.

BitGood, la piattaforma digitale di Confesercenti contro lo spreco alimentare 1

Confesercenti ricorda che le imprese che devolvono a fini sociali le proprie eccedenze alimentari possono risparmiare circa mille euro l’anno di imposte, tra detrazioni Iva e risparmi sulle tassazioni Ires e Irpef. Sono previsti sgravi anche sulla gestione rifiuti: la legge 166/16 concede infatti ai Comuni la possibilità di deliberare, per le attività commerciali che distribuiscono eccedenze a chi ha bisogno, riduzioni sulla Tari, per un risparmio di circa 180 euro l’anno ad esercizio.

I vantaggi sono diversi sia per i donatori, sia per il beneficiario che per la società:

  • Riduzione dei costi per lo smaltimento delle eccedenze alimentari
  • Trasparenza: la blockchain assicura che i prodotti offerti arrivino all’effettiva destinazione
  • Gestione eccedenze per agevolare la pianificazione degli approvvigionamenti
  • Semplificazione e razionalizzazione dell’accesso alle donazioni alimentari e non
  • Opportunità di visibilità per le piccole organizzazioni e incremento delle possibilità di ricevere donazioni
  • Automazione degli adempimenti amministrativi
  • Ottimizzazione della raccolta delle donazioni
  • Pianificazione della distribuzione
  • Reputation basata sul rating degli utenti della piattaforma
  • Educazione alla riduzione degli sprechi

BitGood semplifica e rende trasparenti le donazioni certificando l’origine e la destinazione. Cosa aspetti a provarlo? Scarica l’app e fai la tua donazione!

Ti è piaciuto l’articolo? Scopri i nostri partner, o leggi le nostre ultime notizie.